Caro dottore questa è la prima volta che scrivo a un sito come il suo , innanzitutto grazie per la cura nelle risposte. Sono un 28enne programmatore che tende a mettere tutto in amniera razionale , come vorrei poter programmare anche me. Invece purtroppo sono spesso preda, nei momenti di stress e tensione emotiva nei rapporti di passione (non ho una fidanzata ma tuttavia ho una vita sessuale attiva e varia), il distacco dalle ragazze nei rapporti che sento finiti non è indolore (tendo a farlo credere ma non è così) sono preda dicevo di fantasie ricorrenti di poter covare un malattia grave. Basta un sintomo qualunque, tipo tachicardia = malattia coronarica , spossatezza = tumore o altro . Mi rendo conto che sono fantasie senza base ma non cessano col solo volerlo,. Non voglio andare da uno psichiatra e prendere farmaci di cui sono “nemico” . Potrei risolvere il problema con l’ipnosi? o Aderendo a un qualche programma di meditazione che trovo in siti americani di pratica buddhista, o di mindfulness?